affrontare l'inserimento al nido

L’inserimento al nido è sempre una fase molto delicata: scopri come affrontarla in maniera serena per te e il tuo bambino.

L’inserimento al nido è la prima esperienza di separazione dal tuo bambino, per cui è del tutto comprensibile che tu possa viverla con qualche difficoltà. Anche il bambino potrebbe risentirne, soprattutto se percepisce che la mamma non riesce a distaccarsi da lui in maniera serena.

Un inserimento al nido difficile si comprende sin da subito: il bambino piange e si dispera e sembra che ogni volta il cuore ti stia per uscire dal petto per lo sconforto.

Tuttavia grazie ad un percorso adeguato e con l’aiuto delle educatrici del nido, il bambino inizierà a sviluppare la sua autonomia a piccole dosi e presto non vivrà più la tua assenza in maniera così forte.

Inserimento al nido: come funziona?

Ecco qualche spunto per capire come rende l’inserimento al nido meno difficile.

  • Prepara il bambino all’idea del nido: presentagli il nido come un nuovo ambiente dove potrà fare giochi divertenti. Incuriosiscilo e stimolalo mostrando gli aspetti positivi e serviti anche di favole specifiche.
  • Cerca di gestire la tua ansia: il bambino percepisce le tue emozioni, le tue paure e preoccupazioni. Se tu non sei tranquilla, non lo sarà neanche lui e svilupperà l’idea che al nido non potrà sopravvivere senza la presenza della mamma. Questo alimenterà solo la sua ansia da separazione, rendendo l’inserimento al nido difficile più del solito.
  • Stabilisci dei rituali e lasciagli portare qualcosa da casa: crea dei rituali prima di uscire e lascia che porti con sè il suo oggetto preferito (un peluche, un fazzoletto, qualsiasi cosa). In questo modo inizierà ad abituarsi al distacco e lo vivrà man mano con maggiore serenità.
  • Non andare via di nascosto: se il bambino si volta e scopre che non ci sei più, lo lascerai con l’idea che tu possa scomparire da un momento all’altro. Tutto questo lo renderà insicuro. Salutatevi e rassicuralo più volte che tornerai a riprenderlo.
  • Affidati alle educatrici: impara a fidarti di loro e della loro competenza, aiutale a capire la quotidianità del tuo bambino. Più informazioni fornirai sulle sue abitudini e più sarà semplice ricreare al nido un contesto accogliente per lui.

Inserimento al nido: quanto dura?

Non si può stabilire a priori quanto duri l’inserimento al nido. Alcuni bambini dopo una settimana si sono già ambientati, altri necessitano di più tempo. L’importante è essere costanti e non mollare la presa. Se ci si arrende al pianto del bambino, si trasmette il messaggio che quella è una buona strategia per ottenere potere su mamma e papà.

I primi giorni sarà dura, ma vedrai che pian piano tuo figlio inizierà ad ambientarsi e alla fine andrà al nido sereno e spensierato. Se dovessero esserci ancora delle difficoltà, ricorda sempre che le educatrici sono dalla tua parte. È nel loro interesse fare in modo che il bambino riesca a vivere con serenità il distacco.

Leggi anche: 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.