la paura di impegnarsi e conseguenze sui figli

La paura di impegnarsi è alla base di molte rotture premature, una piaga che lascia dietro di sé cuori infranti, mutui da pagare e figli da accudire.

Cosa si nasconde dietro la paura di impegnarsi in una relazione? Generalmente sono le donne a lamentare nell’uomo la paura di impegnarsi, ma non è detto che questo aspetto non possa presentarsi anche nel gentil sesso.

Ci sono persone che temono l’idea della stabilità affettiva e preferiscono vivere la loro vita saltando da un flirt all’altro, senza coltivare legami profondi.

A volte ci provano, vanno a convivere, mettono su famiglia, ma da lì a poco sentono il richiamo della libertà.

Così fuggono, scompaiono nel nulla, senza dare troppe spiegazioni e quando ci sono di mezzo i figli la loro assenza pesa più del solito.

Solo indagando a fondo sulle motivazioni che possono aver determinato quel comportamento si può sperare di comprendere l’altro e provare insieme a ricucire il rapporto.

Perché il tuo uomo potrebbe avere paura di impegnarsi?

Sono tanti i motivi che possono spingere un uomo ad avere paura di impegnarsi in una relazione.

Per quanto possa sembrare riprovevole, soprattutto quando questo produce una de-responsabilizzazione verso i propri figli, bisogna sempre cercare di andare oltre le apparenze.

Andare via e mollare tutto è da codardi, ma questo non significa che non ci sia una sofferenza anche dall’altra parte.

A modo suo, anche chi fugge è vittima delle sue scelte, del suo passato e delle credenze che lo hanno portato oggi a ritenere di non avere alternative alla fuga.

Questa non è una giustificazione, perché ognuno di noi ha il potere di scegliere, ma per qualcuno questa scelta potrebbe sembrare non così ovvia e chiara.

  • La paura di impegnarsi potrebbe nascere da un’infanzia disagiata: il partner potrebbe aver sperimentato delle figure genitoriali inaffidabili. Una delle principali difese messe in atto in queste situazioni è quella di rinunciare completamente ad ogni forma di legame, per evitare di rivivere nuovamente il senso di abbandono.
  • Il terrore del fallimento potrebbe paralizzarlo: di fronte ad una promessa di amore eterno, di fronte alla responsabilità di un figlio, persone che  hanno sperimentato in passato numerosi fallimenti potrebbero temere di sbagliare ancora una volta.
  • A volte la paura di impegnarsi nasce dal timore di rinunciare ad una parte della propria identità: è come se ci si sentisse in gabbia e il solo pensiero di rinunciare alla propria libertà, alle serate con gli amici e alla propria indipendenza spaventa la persona.
  • Potrebbe temere di non essere all’altezza: in questo caso la persona vive già una condizione di bassa autostima; doversi assumere delle responsabilità in qualità di compagno (ed eventualmente padre) manda in tilt la persona che preferisce darsela a gambe piuttosto che mostrare la sua debolezza.

La paura di impegnarsi: figli senza padri

La paura di impegnarsi produce conseguenze inevitabili anche sui bambini. Quando si lasciano dei figli, spesso anche molto piccoli, la sofferenza a cui è esposta l’intera famiglia cresce a dismisura.

I bambini hanno un modo tutto loro per spiegare assenze improvvise e distanze incolmabili. Se non si è chiari da subito, potrebbero costruire delle versioni inverosimili della storia arrivando a colpevolizzarsi di quanto accaduto.

I meccanismi sono gli stessi di quelli che si verificano in seguito ad una separazione coniugale. In entrambi i casi, il bambino percepisce solo un aspetto: il vuoto paterno.

Non riesce a dare un nome a questo vuoto, non riesce a definirlo e a comprenderlo, compatibilmente con il livello del suo sviluppo.

Sa solo che il suo papà non c’è più, che l’ha abbandonato, che la sua mamma piange tutti i giorni chiusa nel bagno e che quel telefono non squilla mai. Un bambino non potrà mai capire la difficoltà e la paura di impegnarsi di suo padre.

A lui non importa nulla di tutto questo, ma ha diritto ad ascoltare una versione dei fatti, ha diritto di sapere che quanto accaduto non dipende in alcun modo dalla sua persona.

In queste situazioni molto delicate sarebbe opportuno salvaguardare quantomeno la genitorialità.

La coppia può ritagliarsi uno spazio per considerare la possibilità di rilanciare il proprio rapporto, ma se lasciare il partner è un diritto inequivocabile, non è propriamente così quando si tratta di valutare o meno la propria responsabilità genitoriale.

Padri in fuga: una lettura utile

Questo articolo non ha la pretesa di esaurire la vastità dell’argomento, per avere una panoramica più ampia sulla psicologia maschile nelle relazioni ti consiglio l’ebook “Gli uomini amano poco. Amore, coppia, dipendenza del collega Enrico Maria Secci.

Sullo stesso tema, approfondisci anche:

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.